“Ciò che toglie in oggi vita all’Umanità è il difetto d’una fede comune, di un pensiero adottato da tutti che ricongiunga Terra e Cielo, Universo e Dio. Privo di fede siffatta, l’uomo si è prostrato davanti alla morta materia, e si è conservato adoratore dell’idolo “Interesse”. E i primi sacerdoti di quel culto fatale furono i re, i principi e i tristi  Governi dell’oggi. Essi inventarono l’orribile formula. “ciascuno per sé”: sapevano che con essa. creerebbero l’egoismo: e sapevano che tra l’egoista e lo schiavo non c’è che un passo”.

“I Doveri dell’Uomo” di  Giuseppe Mazzini   1860

 

Lascia un commento